Home > In evidenza > Casa Avigliano – Andrà tutto bene, il nostro lavoro al tempo del coronavirus
andra-tutto-bene-cipss-raccontiamo-il-lavoro-sociale-ai-tempi-del-corona-virus

Abitanti di Casa Avigliano scrivono…

Come mi sento in questo periodo difficile

In questo periodo mi sento molto perché mi manca  mamma e papà e ho paura della morte ho paura della corona virus.

A me quello che mi piace fare i puzzle e i ferri.

Io amo tutti gli operatori e le operatrici però quelle che amo sono Burchi Valeria e Bernarducci Federica, io con Federica ho un bel rapporto è bella, poi amo tutti i miei parenti, loro sono il mio amore.

Io non vedo l’ora che tutto questo finisce, se finisce tutto questo vado a fa i capelli e la pulizia del corpo e tutte le domeniche vado a pranzo dai miei e io con te ci sto bene.

 

Come io sto vivendo questo periodo complicato

Non posso uscire di casa questo mi fa stare male.

Non posso andare in giro per il paese e vedere gli amici.

Ho paura ci possono essere persone che portano il virus.

Il cancello con il lucchetto.

Mi ha chiamato Roberto a fare esercizi carini ma non ci sono riuscito perché mi sentivo carico emozionato per una cosa nuova.

Dipingere con Vittorio la stoffa attaccata sulla ringhiera.

Combatti contro il virus per essere tutti più vicini.

Lo stare in casa con tutti mi fa sentire protetto.

 

Come mi sento in questo periodo difficile

Io sono nervosa e ho paura del virus perché si attacca.

Mi mancano molto gli amici perché non si può uscire. Sono triste ma sento che li fanno stare tutti insieme a casa.

Mi piace delle attività ginnastica lettura cucire dipingere, mi fa stare un pò meglio.

Basta sentire il telegiornale perché ci troviamo più nervosi di prima.

 

Your email address will not be published.

Rajo #comunitainrete

Vai al Blog di Rajo #comunitainrete

Un'interfaccia digitale per gli Ospiti e gli Operatori della Comunità

» Vai al Blog

x